Perché amo viaggiare?

10582942_366541700161321_82620975070001053_o

 

Avevo forse sei o sette anni quando mi hanno regalato un mappamondo, naturalmente da me richiesto.

Ero troppo curiosa di scoprire come fosse fatto questo “mondo”.

E ne rimasi folgorata.

Qualche anno dopo, mi fu regalato un atlante. Volevo far scorrere il dito su tutte le città, su tutti i paesini e viaggiare con la mente.

Poi mi regalarono la mia prima macchina fotografica con il rullino. Volevo immortalare i paesaggi, i volti delle persone che in qualche modo avevano da raccontarmi qualcosa anche solo attraverso un sorriso.

Isola di Aegina, Grecia.

Isola di Aegina, Grecia.

181850_3940509196284_1467963229_n

Mamma con il suo bimbo, Varazze.

Sì, sono sempre stata una curiosona, una di quelle che ama farsi raccontare gli aneddoti del luogo.

Quella che i primi anni di scuola elementare aveva stretto amicizia con una bambina coreana ed era rimasta affascinata dal fatto che loro mangiassero con le bacchette e non con le posate ed era stata lei, ad insegnarle come usarle.

Sempre alla scoperta di nuove culture.

Passarono con il regalarmi le prime guide turistiche, i taccuini per poter annotare tutti i dettagli e incominciai a viaggiare con i miei genitori, con le amiche, con il ragazzo e a volte da sola, per fuggire dalla realtà e dedicare del tempo solo a me stessa.

DSCF6190

Tempio di Aphaia, Aegina- Grecia.

Ecco perché viaggio.

Viaggio perché questa passione fa parte di me da sempre.

Quod on the road, Grecia.

Quod on the road, Grecia.

Da quando rimasi entusiasta alla visione del mappamondo a sei anni ad ora che ne ho quasi ventitré.

image3444

La stessa passione, lo stesso entusiasmo, lo stesso identico sorriso.

Letizia.

I commenti sono chiusi.